Dispositivi Rigenerati: come si ottengono?

I dispositivi rigenerati (smartphone, PC, Tablet, schermi, TV, ecc.) si ottengono tramite una serie di procedimenti e test che mirano a valutare le condizioni del dispositivo. In genere, il ricondizionamento degli smartphone, avviene in 5 fasi in cui sono inclusi tutti i test necessari. Le fasi variano leggermente per quel che riguarda gli altri dispositivi.

Verifica componenti esterni

È l’avvio del processo di ricondizionamento del dispositivo. In questa fase si verificano i vari componenti del dispositivo: le condizioni della scocca, il vetro e l’LCD. Di seguito si controlla il funzionamento delle uscite audio, i tasti e il dock di ricarica. Sono tutti elementi che non riguardano solo il fattore estetico. Un cellulare che, ad esempio, ha le uscite jack audio difettose, potrebbe creare problemi che, a colpo d’occhio, non risultano.

Hardware e software

Il secondo passaggio riguarda i test di hardware e software che devono essere perfetti per garantire un funzionamento corretto. Per fare i test si utilizzano diverse sim, sia in modalità 3G/4G sia in Wi-Fi. Anche il cavo USB e cavo d’alimentazione sono controllati e, in caso di alterazioni, sostituiti. In questa fase viene controllata anche la batteria e, se non è in condizioni ottimali, viene cambiata. Gli auricolari, invece, vengono sostituiti a prescindere dalle loro condizioni, per garantire il fattore igiene.

A questo punto, dopo aver individuato cosa funziona e cosa no, si procede alla sostituzione dei componenti danneggiati o usurati. In effetti, un cellulare potrebbe essere in condizioni perfette, non aver nessun componente rotto, ma l’usura è inevitabile e potrebbe compromettere il buon funzionamento dell’apparecchio. Proprio per questo, i pezzi usurati, vengono sostituiti.

Verifica funzionamento e igienizzazione

Una volta sostituiti i pezzi danneggiate o usurati, si eseguono una serie di test per valutare il funzionamento del dispositivo “ristrutturato” e si procede a una nuova verifica completa per avere la certezza che non ci siano altri difetti, sfuggiti nella prima fase. Se tutto è a posto, si passa all’igienizzazione del dispositivo che avviene con prodotti specifici. Si igienizza tutto: dispositivo, scatola e accessori, in modo che l’oggetto sia come nuovo. Lo schermo viene addirittura ricoperto dalla pellicola protettiva, come appena uscito dalla fabbrica.

Grado A-B-C: che cosa indicano?

Sono i livelli che indicano lo stato estetico del dispositivo. C’è chi usa A-B-C e chi usa A/A+/A++, ma il risultato non cambia:

  • Dispositivi di grado A sono quelli con un’estetica perfetta, non riportano nessun segno di usura, sono come nuovi e sono anche quelli che, ovviamente, hanno il costo più elevato.
  • Dispositivi di grado B: hanno qualche lieve graffio sulla scocca ma visto il prezzo più basso, convengono visto che con una cover si nasconde tutto.
  • Dispositivi di grado C: sono quelli che presentano un maggior livello di usura, possono avere anche qualche “bozza” dovuta a una caduta. Anche in questo caso una buona cover potrà nascondere i danni. Sono particolarmente adatti per chi li usa molto per lavoro perché con poca spesa hanno una buona resa e se si rovina la scocca, non vi dispererete.